Frammentazione del DNA spermatico

http://www.caran.eu/immagini_pagine/18-02-2017/1487412392-41-.jpg

Uno spermatozoo ritenuto fertile, deve possedere anche un corretto assetto del materiale genetico nel suo DNA, perché assicuri la formazione di un buon embrione.
Il suo DNA alla fine della Spermiocitogenesi deve risultare Maturo e ben CONDENSATO. Ciò assicura protezione al materiale genetico durante il suo pericoloso viaggio nelle vie genitali femminili, rendendo la cromatina una struttura rigida, capace di resistere ai danni. Anomalie nei due processi di MATURAZIONE e CONDENSAZIONE interferiscono con la funzionalità dello spermatozoo, che può apportare nell’oocita materiale genetico non idoneo e dare luogo a embrioni inadeguati.
Infatti, alterazioni della cromatina spermatica in più del 30 % degli spermatozoi riducono notevolmente la possibilità di una gravidanza spontanea. Inoltre, la cattiva qualità della struttura della cromatina spermatica è fortemente indicativa di sub infertilità maschile, indipendentemente da numero, mobilità e morfologia degli spermatozoi.
Quantificare la mancanza di maturità del DNA e la sua integrità con tecniche di laboratorio può indicare il trattamento più idoneo per il paziente sub fertile e spiegare alcuni dei fallimenti con tecniche FIVET e ICSI.

Lo studio della frammentazione del DNA viene effettuato mediante SCA frammentazione del DNA, un programma per l’analisi automatica di frammentazione del DNA con metodica Halosperm: basato sulla dispersione della cromatina spermatica.

Nelle immagini catturate gli spermatozoi vengono classificati in:

1. Frammentati (assenza di alone per mancata dispersione della cromatina spermatica).
2. Non frammentati (normale, formazione di un alone per dispersione della cromatina spermatica)

 


1: DNA frammentato
2: DNA normale

 

Un eiaculato normale dovrebbe contenere almeno l’80% di spermatozoi normali (non frammentati).
Non si può ritenere che tutti i fallimenti (spontanei o con tecniche di PMA) siano dovuti solo ad anomalie del DNA spermatico: i fallimenti, anche quelli ripetuti, sono di origine multifattoriale.


Gallery

Richiedi maggiori informazioni tramite email


Segui:
su Facebook!